TIMES ARE CHANGING… soon

Qualche giorno fa, Al Waleed, clintoniano di merda.. oops volevo dire di ferro, referente arabo numero 1 dei Clinton, si è imbattuto in questo:
Minchia Johhnny… mi viene in mente Renzi, Napolitano, Berlusconi, Benetton, Prodi, Dalema, I gioudici della Corte Costituzionale, i banchieri italiani tipo Profumo, Passera, Ghizzoni, mi viene in mente la Boschi, Grillo e tutti quelli che hanno derubato moralmente il popolo italiano.
Sono apologi dell’antiitalianità.
Hanno svenduto tutto quello che gli italiani avevano pagato: telefonia, siderurgia, rotte commerciali, strade… restano da vendere, anzi svendere, i “beni culturali,  i risparmi degli italiani, e gli italiani stessi.
Hanno già cominciato con la manfrina dell’età pensionabile a 67 anni.
Boeri è sicuramente uno che merita il trattamento Al Waleed, anzi dovremmo cominciare da lui.
Il vilipendio dell’italianità, è il reato più grave di cui un servitore dello stato si possa macchiare. Senza italiani l’Italia non esiste! Boeri non esisterebbe!
Come detto in altri articoli, ci sono delle circonvenzioni truffaldine, ovvero BALLE, che vengono propinate agli italiani da traditori dell’Italia.
I nomi elencati sopra, sono, nei fatti traditori dell’Italia e di converso, nemici degli italiani.
Ce la stanno mettendo tutta per fregare gli italiani…
Ma, c’è un problema, quello della situazione bancaria.
Questa classe dirigente, quella degli ultimi venti anni, ovvero PD e sinistra, Forza Italia e Fini Casini gioppini, con Alfano e quello di >>Comunione e Liberazione, il “celeste” Formiconi anche lui con la rima nel cognome, (La “C” è voluta), mirano ai conti correnti, i vostri: loro le banche le usano come bancomat personale! http://www.huffingtonpost.it/2017/11/24/dallhotel-boscolo-a-bettega-chi-sono-i-100-debitori-top-di-veneto-banca_a_23286955/
Nessuno che li bastoni?
Zonin?
Nessuno che lo bastoni?
La Lorenzin?
Nessuno che la bastoni?
I nostri giornalisti?
Nessuno che li bastoni?
Times they are changing… soon… 
  
   
Di Franco Remondina (Dodicesima.com)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *