IL “PICCO” DELLA PROPADANDA

Che roba… la faccenda dei sacchetti della frutta e della verdura…
Una bazzecola, intermini economici, 1 o 3 centesimi, ma…
E’ il sassolino che inceppa la macchina. Gli italiani hanno raggiunto il limite? Siamo al “picco della propaganda”?
Di certo, l’abuso dialettico di termini come “diritti”, “serietà”, “integrazione”, “fiscalità”, “austerità”, +europa, ha di fatto provocato una crisi di rigetto.
L’italiano medio ha realizzato nel suo intimo che quelle parole significano “fregatura per lui”.
Le centrali dei Rothschild, quelle del marketing forsennato per incularvi, è il termine corretto credetemi, che hanno messo a disposizione della sinistra quell’arsenale lessicale, rischiano di ottenere il contrario di quel che si prefiggevano.
Diventa ogni giorno più chiaro all’italiano medio che lo stanno inculando da tutte le parti.
Altro che “diritti per tutti”, quando dicono cosi, l’italiano medio capisce che significa: MENO DIRITTI PER LUI.
E’ una conclusione che si concreta nei sacchetti della frutta, si potrebbe dire che “sono alla frutta”, ironia del caso, ma è esattamente questa la percezione. L’italiano medio vede troppi negri in giro, troppe buche nelle strade, troppe tasse occulte sulle bollette del gas della luce, sulla benzina, sull’acqua, sui farmaci, sulle autostrade, sulle multe, vede ospedali insicuri, vaccini insicuri, cartelle esattoriali pazze… gli viene il sospetto che sia tutto programmato.
Non sono nè di destra nè di sinistra, sono italiani…
Capiscono che a forza di dare diritti a tutti, perdono i “loro diritti costituzionali”.
Capiscono che l’europa ci fotte a ogni provvedimento, e che i politici di sinistra, eseguono gli ordini dei loro padroni.
Fanno leggi contro gli italiani, sempre!
I loro esponenti vanno in tv a dire che “bisogna” accogliere… Ma quando? Ma dove?,
Hanno firmato loro ( tramite il loro segretario di partito, presidente del consiglio), un documento in cui l’Italia si impegnava ad accogliere TUTTI I MIGRANTI.
Il PD e quelli di sinistra, NON SONO L’ITALIA, sono minoranza nella popolazione, perchè hanno firmato quel documento?
Perchè non hanno istituito un referendum? Volete voi, popolo italiano, che l’Italia accolga e mantenga qualche milione di neri e immigrati senza alcun titolo, mantenendoli a 35 euro al giorno per quattro anni per il costo complessivo di euro 50 000 cadauno?
Perchè non sottopongono questo quesito agli italiani?
Poi ci sono le tasse… Il governo Renzi è il primo ad abbassare le tasse…
Ce lo hanno raccontato a iosa, poi l’italiano medio ha scoperto che tutto costava di più, che le tasse sono cresciute, che i tickets sono cresciuti, che le multe sono cresciute che i bolli, i documenti sono diventati più cari e che “ce lo chiede l’europa”…
Nel caso dei sacchetti l’europa non ce lo ha chiesto, ma loro la sinistra delle banche, lo ha imposto per legge. Cosi come per i vaccini obbligatori…
Il sospetto è che se gli danno ancora il voto, questi mireranno ai risparmi che gli italiani hanno in banca… Ce lo chiede l’europa, anzi, adesso raccolgono loro le firme per la Bonino di +europa, per fottere gli italiani ancora di più, fino ad arrivare ai soldi in banca.
Per legge!
Il picco del linguaggio è stato raggiunto.
Quando vedi che sono li a dire “si” a ogni imposizione della UE, quando vedi che BASTA UN INDIRIZZO, quindi NON UN OBBLIGO, solo l’indirizzo, su alcuni temi e questi fanno la legge (MA SOLO SE PORTA DANNI AGLI ITALIANI), tu capisci che MENTONO, hanno sempre mentito e che la “serietà” è contro gli italiani, che la “libertà” è per gli altri, non per loro, che i “DIRITTI” sono per gli altri e non per te, che i soldi, quelli delle tue fatiche, sono quelli li che LORO vanno a prendere per mantenere immigrati e per gli italiani tagliano i servizi, è chiaro che prima o dopo arrivi a un punto che bastano i sacchetti della frutta a comprendere che siamo alla frutta.
O noi o loro, non c’è altra scelta!
   
Di Franco Remondina (Dodicesima.com)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *