MONIZIONE

La cosa incredibile è questa: in nessuno dei paesi fondatori della UE, si sono svolti referendum sull’immigrazione nonostante i problemi a non finire che essa sta causando.
Perchè?
Nella risposta a questa domanda, vengono a galla tutte le magagne della falsa democrazia istituita da elites che se ne fregano dei popoli.
Domanda: quattro mezzeseghe intellettive che si definiscono illuminate, praticando il sogno di ammazzare il 90% dell’umanità, di costruire una umanità meticcia, quindi una fusione delle razze, possono togliere potere al 99,999999% del popolo?
No che non possono!
No, non devono.
Un tale referendum bypasserebbe la cortina fumogena dell’ipocrisia, basata sulla parola “razzismo”.
C’è una cosa che è stata portata avanti nell’ultimo mezzo secolo, quella della funzione intercambiabile del merito.
Si pensa, o si tende a pensare, si viene indottrinati a pensare che una persona che ha fatto i soldi, sia, per questo, più intelligente della media, ma è veramente cosi?
No, anzi, spesso, se non sempre, è meno intelligente della media. 
E’ proprio cosi, se non fosse cosi, se fare i soldi fosse difficile, fosse prerogativa di una intelligenza superiore, a che pro mettere i bastoni tra le ruote dei concorrenti?
Il sottobosco di strategie monopolististiche che si sono palesate nella storia, dimostra che il postulato ricco=intelligente è falso. Che ti serve monopolizzare se sei cosi intelligente, se è cosi, dovresti metterti li a osservare e divertirti del fatto che, apposta perchè ci vuole quello e senza quello, non ce la puoi fare.
Quindi,non solo il postulato ricco=intelligente è falso, ma nella storia è andato sempre più incancrenedosi nella propria falsità, dai picchi medicei siamo arrivati ai Gianni Agnelli, per arrivare ai Jeff Besos…
Agnelli è stato il prototipo della mezza sega intellettiva, un parassita sociale che incamera una ricchezza senza meriti propri, la eredita e la difende, difende i soldi… lasciando in eredità solo la struttura strategica che la difendesse. Nessun “duomo con la cupola del Brunelleschi”, nessun David di Michelangelo…
Torino, è una città tra quelle più cupe.
Agnelli è’ diventato una moda per minchiate tipo l’orologio sul polsino, fate voi… Un cocainome, con figli che si suicidano (!!??)
Ora, questa gente, paga quelli che hanno intelligenza, per farsi spiegare il mondo.
Paga quelli che hanno intelligenza perchè trovino gli argomenti capaci di ingannarvi, per ingannare il popolo. Hanno fatto cosi con il moloch della democrazia, col siamo tutti uguali, con l’inganno sulla moneta, ora lo fanno con il concetto di patria.
Ho due zii morti e uno disperso in Russia nell’ultima guerra, un paio di nonni sopravvissuti alla prima guerra mondiale, credevano comunque che l’Italia fosse degli italiani, e in effetti l’Italia è quel che è grazie agli italiani, loro, non i negri hanno costruito strade, case, ospedali, porti, ferrovie, fabbriche, coltivato campi bonificato paludi, costruito posnti, navi, aerei…
Avendo questo popolo una grande storia, essendo un contributore netto del progresso occidentale, la domanda che si pone è: perchè avremmo bisogno dell’immigrazione?
E c’è una cosa che voglio dire, cioè questa: le mezze seghe tipo Agnelli o quelli del PD o i 5Stelle dei Rothschild, ti dicono che abbiamo bisogno dei negri perchè stiamo invecchiando come popolo, ma questo presuppone due cose: 1) che i negri non invecchino,2) che veniamo cosiderati come schiavi e non come persone che costituiscono un “popolo”. Siamo polli d’allevamento?
Per quanto riguarda la motivazione del fatto che invecchiamo, questa è una quisquilia, da noi, dall’Italia è partita tutta la civiltà occidentale, partirà anche la rivoluzione biologica.
Voglio un referendum sull’immigrazione, le forze contrarie a questo verranno distrutte!          
Di Franco Remondina (Dodicesima.com)

3 risposte a “MONIZIONE”

  1. E’ da notare che non è stata fatta nessuna politica seria per incentivare i giovani a fare famiglia e figli. Mentre hanno fatto molto per distruggere il significato di FAMIGLIA.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *