LA TASSA OCCULTA DELL’ACCOGLIENZA e IL VOTO DI KANT

Lo sforzo disperato della galassia Soros in Italia, composta da PD, e la Casaleggio e associati, ovvero i 5Stelle, di depredare gli italiani e destabilizzare la società a favore degli immigrati, pare inutile.
Anche i più rincoglioniti (termine usato da quella mezza sega intellettiva a nome Di Battista del M5S), ideologicamente, che costituivano l’elettorato PD o sinistroide, si trovano quindi di fronte al dilemma: sono un bianco italiano o sono un PDidiota?
L’ideologia o se volete la credenza, è qualcosa che puoi anche cambiare, mentre viene difficile cambiare il fatto che sei bianco e italiano.
Non è la genetica, il Dna, è l’acqua!
E’ la struttura della coscienza.
Il ritmo di movimento della coscienza del bianco è diverso da quello del nero. Punto!
Ieri Grillo ha citato Kant… poveraccio, intendo dire Grillo, dice che Kant avrebbe votato 5Stelle…
Ora, Kant non è idiota e visto la nullità intellettiva dei 5Stelle, credo proprio che invece di votarli li avrebbe derisi.
Anzi, ne sono certo.
Come avrebbe potuto dare il voto a un primate intellettivo come Di Maio?
Il simile attrae il simile, e Kant e Di Maio hanno una cosa sola in comune: entrambi nella loro vita vanno al bagno. Per il resto, sono diversi, uno pensava e il secondo è incapace di farlo.
Uno pensava, Kant.
L’altro farfuglia ma non pensa, Di Maio.
Uno scrive ” Critica della ragion pura”, Kant. L’altro scrive tweet sgrammaticati, Di Maio.
Uno usa la deduzione logica e l’altro gli slogans…
Naaahh… non ci posso credere, Grillo a forza di comicità è esondato sul candidato 5Stelle? Perchè un nano intellettivo come Di Maio, non può essere votato da un gigante intellettuale come Kant, nè tantomeno il movimento politico che esprime come leader tale nano.
Logica elementare.
Per quanto riguarda invece il grottesco atteggiamento PD e della sinistra anti italiani, esso è determinato solo da un fattore: soldi!
L’accoglienza è il principale affare di questo partito politico, attraverso le cooperative.
Ma è solo la punta di un iceberg colossale.
Se vengono fuori questi dati, con il tipo di guardia di finanza che abbiamo, cioè mezzeseghe che sono capaci di colpire la vecchietta senza scontrino, ma che non è mai intervenuta sulle vere evasioni delle tasse da parte di banche, assicurazioni, televisioni, sanità, false pensioni di invalidità, farmaci generici venduti a dieci volte il prezzo, bilanci tarocchi di partiti e sindacati etc etc etc etc, se ora vengono fuori i dati dell’evasione delle cooperative vuol dire che c’è cosi tanto spreco a ladrocinio dei soldi pubblici da far rizzare i capelli al tenente Kojak…
Sono li per mentire! Mentono su tutto!
L’immigrazione è una ulteriore tassa che grava sugli italiani onesti, una tassa che ci fanno pagare non solo in soldi, ma anche in termini di qualità della vita. In termini di insicurezza, di assenza di futuro, di prevaricazione. COSTA QUANTO?
Almeno 12 miliardi di euro l’anno. I dati dicono 4,3 miliardi? Si ma le prestazioni gratutite del sistema sanitario per gli immigrati sono rilevantissime, solo per i ricongiungimenti e le pensioni a chi si ricongiunge (seicentomila pensioni) costano1,4 miliardi, poi ci sono i tickets non pagati, perchè questi, non pagano nulla, c’è tutto il flusso di denaro spedito all’estero…

Poi si meravigliano se gli italiani esprimono questo:
Si dai, raccontatemi ancora una volta che fuggono dalla guerra…
Dai, raccontatemi ancora una volta che ci pagano le nostre pensioni, dai, raccontatemelo ancora…
Italiani che raccontano a italiani che i diritti ce l’hanno solo gli altri, tu? Tu sei un razzista!
Di Franco Remondina (Dodicesima.com)

Una risposta a “LA TASSA OCCULTA DELL’ACCOGLIENZA e IL VOTO DI KANT”

  1. Tutto vero, ma gli hai fatto lo sconto, perchè non hai citato i costi di ordine pubblico (polizia) giudiziari (processi) e detenzione nei carceri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *